Il Cervello Musicale: riflessioni sulla Banda Rulli Frulli



  • GIORGIO GUIDETTI, FEDERICO ALBERGHINI
  • Vol. 4 (No. 3) 2019 Settembre-Dicembre - Articolo Originale, 241-245
  • Full text PDF
  • Versione Italiana: La musica è un potente attivatore di tutte le funzioni cerebrali. Praticamente il segnale musicale apre connessioni con tutto il cervello. I musicisti riescono ad attivarle meglio ed in modo diverso. Un cosiddetto cervello musicale è pertanto in grado di udire, capire, riprodurre e persino creare melodie. Apparentemente non tutti i cervelli sono musicali ma un training specifico è in grado di favorire queste caratteristiche. I soggetti autisti o Down mostrano in genere caratteristiche cognitive e di sensibilità al suono diverse dalla norma ed una difficoltà anche ad agire in gruppo. Dovrebbero quindi rappresentare un esempio di difficoltà ad agire in campo musicale. La Banda Rulli-Frulli è ampiamente composta da soggetti di questo tipo ed è quindi una dimostrazione molto significativa di come il lavoro di gruppo per la creazione di strumenti a percussione, l’allenamento a suonare insieme e a socializzare in modo costante e costruttivo possa arrivare invece a superare queste caratteristiche e a creare una banda musicale perfettamente in grado di suonare con ottimi risultati anche in ambienti pubblici complessi e diversi tra loro. Il metodo di training musicale utilizzato consente in particolare di attivare in modo adeguato il default mode network e di migliorare l’Error related negativity con conseguenze positive sul progressivo apprendimento delle tecniche musicali. L’uso principale di strumenti a percussione attiva probabilmente in modo ancor più efficace la risposta sacculare e la relativa acquisizione di ritmo e di esecuzione motoria.

    English Version: Music is a powerful activator of all brain functions. Practically the musical signal opens connections with the whole brain. The musicians manage to activate them better and differently. A so-called musical brain is therefore able to hear, understand, reproduce and even create melodies. Apparently not all brains are musical but a specific training is able to favor these characteristics. The autistic or Down subjects generally show cognitive characteristics and sensitivity to sound different from the norm and a difficulty even to act in groups. They should therefore represent an example of difficulty in acting in the musical field. The Rulli Frulli Band is largely composed of subjects of this type and is therefore a very significant demonstration of how the teamwork for the creation of percussion instruments, the training to play together and to socialize in a constant and constructive way can arrive instead to overcome these characteristics and to create a musical band perfectly capable of playing with excellent results even in complex and different public environments. The method of musical training used allows in particular to adequately activate the default mode network and to improve the Error related negativity with positive consequences on the progressive learning of musical techniques. The main use of percussion instruments probably activates the saccular response and the related acquisition of rhythm and motor execution even more effectively.

  • KEY WORDS: Cervello musicale - Banda Rulli-Frulli – Autismo - Sindrome di Down. Musical brain - Rulli-Frulli musical band – Autism - Down syndrome.