Neurofeedback dinamico non lineare: un nuovo approccio al trattamento degli acufeni tramite neuromodulazione cerebrale



  • ALDO MESSINA, GIORGIO RAPONI, MARIANNA FRANCO, MICHELA MARIA DI NARDO
  • Vol. 3 (No. 2) 2018 Maggio/Agosto - Articolo Originale, 125-131
  • Full text PDF
  • Versione Italiana: Forniamo i risultati preliminari della nostra ricerca multicentrica Palermo-Milano che ha come obiettivo la valutazione dell’efficacia di un nuovo strumento terapeutico utile ai pazienti che soffrono di acufene, il Neurofeedback Dinamico Non Lineare. Questo si concretizza in una neuromodulazione dell’attività elettrica cerebrale, che ipotizziamo sia in grado di migliorare la percezione dell’acufene ed i sintomi psicofisici ad esso correlati. È una sorta di training che consente al cervello di autoregolare la sua attività ottimizzandola. Per valutarne l’efficacia stiamo sottoponendo pazienti volontari, con diagnosi di acufene, ad una serie di sedute di Neurofeedback Dinamico Non Lineare, e di questi stiamo raccogliendo i dati dalle misurazioni audiometriche e dai questionari di autovalutazione riguardanti l’handicap provocato dall’acufene, il livello di preoccupazione patologica, la depressione, l’ansia, lo stress e la qualità del sonno. I risultati che illustriamo, seppur da verificare su un campione più ampio, sono promettenti e sembrano confermare la caratteristica peculiare di questa tecnica ovvero che si basa sui principi cardine dell’attività cerebrale, autoregolazione, neuroplasticità ed apprendimento.

    English Version: We provide the preliminary results of our multi-center research Palermo-Milan which aims to evaluate the effectiveness of a new therapeutic tool useful for patients suffering from tinnitus, the Non-Linear Dynamic Neurofeedback. This results in a neuromodulation of brain electrical activity, which we hypothesize is able to improve the perception of tinnitus and the psychophysical symptoms related to it. It is a kind of training that allows the brain to self-regulate its activity by optimizing it. To evaluate its effectiveness we are subjecting voluntary patients, diagnosed with tinnitus, to a series of Non-linear Dynamic Neurofeedback sessions, and we are collecting data from audiometric measurements and self-assessment questionnaires concerning the handicap caused by tinnitus, the level of pathological worry, depression, anxiety, stress and sleep quality. The results that we illustrate, even if to be verified on a larger sample, are promising and seem to confirm the peculiar characteristic of this technique, which is based on the cardinal principles of cerebral activity, selfregulation, neuroplasticity and learning.

  • KEY WORDS: Neurofeedback - tinnitus - THI. Neurofeedback - tinnitus - THI.