Restrizione calorica ed invecchiamento di successo



  • ALESSANDRO LAVIANO, ANGELA KOVERECH
  • Vol. 2 (No. 2) 2017 Maggio/Agosto - Articolo Originale, 311-314
  • Full text PDF
  • Versione Italiana: Il progressivo allungamento della vita media della popolazione si è associate ad un progressivo aumento della incidenza delle malattie cronico-degenerative (i.e., malattie cardiovascolari, tumori, diabete, malattie neurodegenerative, etc.). Per tale motivo, si è reso necessario lo sviluppo di strategie preventive e terapeutiche che, a fronte di un miglioramento della aspettativa di vita, consentissero anche la riduzione del rischio di sviluppare malattie cronico-degenerative. L’alimentazione è un fattore determinante per il mantenimento dello stato di salute, sia in età giovanile, che in quella adulta che in quella avanzata. La manipolazione della qualità e della quantità dell’alimentazione è dunque uno strumento con il quale ottenere un invecchiamento di successo. La restrizione calorica, e cioè la riduzione della assunzione calorica al di sotto dei fabbisogni giornalieri senza indurre malnutrizione, è un approccio che consiste in varie strategie (i.e., restrizione calorica cronica, digiuno periodico, time-restricted feeding, dieta mima-digiuno, etc.). Numerose studi sperimentali ed emergenti risultati clinici suggeriscono che la restrizione calorica è in grado di favorire l’invecchiamento e di ridurre il rischio di sviluppare malattie cronico-degenerative.

    English Version: Lifespan of human population has progressively increased during the last decades. This yielded to a shift from infectious diseases/trauma to chronic degenerative diseases (i.e., cardiovascular diseases, cancer, diabetes, neurodegenerative diseases, etc.) as the most prevalent ailments recorded in global registries. The development of effective strategies to limit the occurrence of chronic and disabling disease within the aging population. Nutrition is a key factor for preserving health status across all ages. Qualitative and quantitative manipulation of human nutrition may therefore help in increasing the likelihood of successful aging. Caloric restriction, as defined by the reduction of energy intake below the daily requirements without causing malnutrition, includes a number of different approaches (i.e., chronic caloric restriction, periodic fasting, time-restricted feeding, fating mimicking diet, etc.). Robust preclinical data and emerging clinical results suggest that caloric restriction may favor longevity while simultaneously reducing the risk of developing chronic diseases.

  • KEY WORDS: Invecchiamento - restrizione calorica - malattie cronico-degenerative. Aging - caloric restriction - chronic-degenerative diseases.